Rumex Acetosa L. (Erba brusca)

RUMEX ACETOSA L.Nome Volgare Italiano
Rosa canina, rosa di macchia

Famiglia
Polygonaceae

Descrizione botanica

L’Acetosa deve il nome al suo sapore acido per la presenza di ossalato acido di potassio. È una pianta erbacea, perenne, fornita di una radice ingrossata dalla quale in primavera si sviluppa un fusto eretto, semplice o poco ramificato, che può arrivare all’altezza di un metro. Le foglie sono di due tipi: quelle basali, che formano una rosetta, sono lungamente picciolate ed hanno una forma astata, quelle inserite lungo il fusto sono sessili ed amplessicauli, cioè non hanno picciolo ed abbracciano il fusto.

I fiori, distinti in maschili e femminili, sono disposti in fascetti su una pannocchia slanciata, hanno i tepali, forma intermedia tra sepali e petali, di colore rossiccio. Il frutto è un achenio ricoperto dai tepali persistenti che assumono colore rosso ruggine.

Habitat

L’Acetosa è diffusa in tutta Italia, dal mare alla regione montana, si trova frequentemente nei luoghi aperti, nei prati, nei pascoli, nei campi coltivati, lungo i corsi d’acqua e nei boschi radi.

Parti Usate

Tutta la parte aerea della pianta.

Tempo di Raccolta e Conservazione

Si raccoglie la pianta all’inizio della fioritura in maggio-giugno recidendola, con un coltello o con le forbici, qualche centimetro più in alto del colletto.
I fusti raccolti si riuniscono in mazzetti e si pongono ad essiccare in luogo aerato. Quando la pianta è secca si taglia in pezzi di 5-10 cm e si conserva in sacchetti di carta.

Componenti Principali

Ossalati, antrachinoni.

Proprietà Principali

In passato questa pianta era usata prevalentemente contro lo scorbuto, ma l’alimentazione odiera, più ricca e bilanciata, ha eliminato questa malattia, limitando l’utilizzazione dell’Acetosa alle sue proprietà diuretiche e leggermente lassative.

Indicazioni

Uso interno: come diuretico e rinfrescante

Uso esterno: antinfiammatorio

Azione Fisiologica

Diuretica, rinfrescante, antinfiammatorie, febbrifuga.

Tossicità ed Effetti Secondari

L’Acetosa è particolarmente ricca di ossalati per cui se ne consiglia un uso moderato soprattutto a chi soffre di disturbi gastrici ed intestinali; è sconsigliata ai malati di fegato ed alle persone affette da calcolosi epatica e renale.

Modalità d’Uso

Uso interno: la pianta intera in decotto come diuretico e rinfrescante. Le foglie fresche in aggiunta alle insalate, o cotte in aggiunta ad altre verdure, svolgono un’azione rinfrescante e diuretica.

Uso esterno: l’Acetosa (pianta intera) viene utilizzata soprattutto per attenuare infiammazioni delle mucose della bocca e del retrobocca mediante sciacqui e gargarismi.