Asperula Odorata L. (Asperula)

Asperula Odorata L. (Asperula)Nome Volgare Italiano
Asperula, Stellina odorosa

Famiglia
Rubiaceae

Descrizione Botanica

È una pianta erbacea perenne con un rizoma sottile, ramificato e strisciante, da cui nascono dei fusti eretti semplici a sezione quadrata alti 20-30 cm, lisci negli internodi e pelosi sotto i nodi. Le foglie sono riunite in numero di quattro-otto in verticilli ai nodi del fusto, le inferiori hanno forma obovata, le superiori sono lanceolate; l’apice è cuspidato cioè termina in una punta acuta, il margine è ruvido al tatto per la presenza di peli rigidi, la superficie è verde lucente.

I fiori, disposti in una pannocchia rada, sono formati da un piccolo calice diviso in 4 lobi; la corolla, bianca, è tubolare in basso e si separa in alto in quattro lobi rivolti verso l’esterno. Il frutto è formato da due acheni, saldati insieme, di forma subrotonda; hanno la superficie coperta di numerosi peli ispidi ripiegati a uncino.

Habitat

È una pianta che predilige un ambiente ombreggiato; cresce, infatti, nel sottosuolo dove normalmente non arriva il sole, in special modo nei boschi di Faggio nella zona montana di tutta Italia.

Parti Usate

La parte aerea della pianta.

Tempo di Raccolta e Conservazione

La pianta si raccoglie in aprile-maggio, appena prima o all’inizio della fioritura; si recide con le forbici a qualche cm. dal terreno evitando di estirpare la pianta con le radici.

Componenti Principali

Un glucoside contenente cumarina, vitamina C.

Proprietà Principali

La pianta è impiegata in liquoristica come aromatizzante per vermouth, aperitivi, digestivi e in genere liquori alle erbe. La pianta, oltre al gradevole aroma, ha la proprietà di stimolare i processi digestivi. La presenza di cumarina, pur in modeste quantità è responsabile, almeno in parte, delle sue qualità antispasmodiche e decongestionanti.
Utile e curioso impiego casalingo è quello di usare la droga essiccata per profumare la biancheria e contemporaneamente tenere lontani gli insetti.

Indicazioni

Uso interno: come bevanda aromatica di conforto, sedativo antispasmodico.

Uso esterno: decongestionante.

Tossicità ed Effetti Secondari

Non si riscontrano in letteratura effetti tossici o effetti secondari.

Azione Fisiologica

Digestiva, antispasmidica, sedativa, decongestionante, aperitiva.

Modalità d’Uso

Uso interno: la parte aerea della pianta in tisana come bevanda aromatica di conforto. In infuso, tintura, tintura vinosa come sedativo antispasmodico.

Uso esterno: la parte aerea della pianta ridotta in polpa da applicare su pelli arrossate e congestionate, interponendo una garza